[Francesco Ravelli all’apparecchio fotografico] [autore non identificato]

DATA:

2001 [stampa]


Cfr. pos. b/n gelatina bromuro d'argento su carta 12,5 x 17,7 cm, collocazione 2.1.765/XVIII/005. Cfr. neg. b/n gelatina bromuro d'argento su vetro 9 x 12 cm, collocazione 2.3.79/IV/005.

Cfr. Il laboratorio dell'alpinismo : Francesco Ravelli e la fotografia di montagna, a cura di Giuseppe Garimoldi e Alessandra Ravelli, Torino : Museo nazionale della montagna Duca degli Abruzzi : Club alpino italiano. Sez. di Torino, 2001, p. 93.

Francesco Ravelli (Orlongo 1885 – Torino 1985) detto “Cichìn” cominciò la carriera alpinistica nel 1906 con la salita alla Punta Gnifetti, coltivando contemporaneamente l’hobby per la fotografia, che gli consentì di lasciare ricca documentazione delle sue salite e della loro preparazione. Non solo ripetitore di grandi vie, ma anche scopritore di itinerari nuovi, nel 1909 iniziò il lungo sodalizio con i fratelli Gugliermina, con i quali effettuò numerose prime. Socio CAI di Torino fu ammesso nel CAAI nel 1911, dopo la traversata del Cervino con il fratello Zenone e il cugino Luigi. Attivo fino in tarda età, fu autore di “prime” di importanza storica, tra cui: Monte Bianco per la cresta integrale dell’Innominata con variante diretta; cresta sud ovest dell'Aiguille de Leschaux; Mont Blanc du Tacul dal gran canalone nord-est; Grandes Jorasses dalla cresta des Hirondelles e dalla cresta di Pra Sec; Aiguille de Trélatête dalla parete nord est; Picco Gugliermina; Lyskamm occidentale dalla parete sud; Tagliaferro dalla parete nord; Gr. Arolla dalla parete sud-sud est. I fratelli Ravelli convertirono l’officina meccanica, impiantata a Torino dal padre, in negozio di articoli sportivi con annesso laboratorio di attrezzi alpinistici in Corso Ferrucci 70, da cui uscirono i bivacchi prefabbricati, conosciuti come bivacchi Ravelli. Cfr. Catalogo Bolaffi dei grandi alpinisti piemontesi e valdostani, a cura del Museo nazionale della montagna Duca degli Abruzzi Cai Torino; schede e selezione dei nomi a cura di Roberto Mantovani, Torino : Giulio Bolaffi editore, 2002, p. 70; Enciclopedia della Valle d'Aosta, Pietro Giglio, Oriana Pecchio, Bologna : Zanichelli, 2005, pp. 337-338; Il laboratorio dell'alpinismo : Francesco Ravelli e la fotografia di montagna, a cura di Giuseppe Garimoldi e Alessandra Ravelli, Torino : Museo nazionale della montagna Duca degli Abruzzi : Club alpino italiano. Sez. di Torino, 2001.

La ripresa è dedicata a Francesco Ravelli nelle vesti di fotografo. La fotografia fu un'altra forte passione per Ravelli, che già nel 1905 acquistò un apparecchio fotografico; le riprese di questo periodo attestano un precoce interesse per l'arte della fotografia, visibile nello studio della composizione dell'immagine e nella scelta della luce. In questi anni i soggetti prediletti da Francesco Ravelli sono torinesi, e riguardano il fiume Po, luoghi di periferia e di campagna ai margini della città. Grazie al carteggio con i fratelli Gugliermina è possibile seguire lo sviluppo della sua concezione di fotografia, che lo portò a collegare strettamente impresa alpinistica e riprese fotografiche. Cfr. G. Garimoldi, in Il laboratorio dell'alpinismo : Francesco Ravelli e la fotografia di montagna, a cura di Giuseppe Garimoldi e Alessandra Ravelli, Torino : Museo nazionale della montagna Duca degli Abruzzi : Club alpino italiano. Sez. di Torino, 2001, pp. 85 e ss.

SOGGETTO

Fotografia, Ravelli, Francesco , Attrezzatura, Persone, Rocce

DESCRIZIONE FISICA

1 pos. b/n gelatina bromuro d'argento su carta 18 x 23,8 cm

DOMINIO

Stampa fotografica

NUMERO DI INVENTARIO

F5946

LUOGO DI CONSERVAZIONE

Museo Nazionale della Montagna - CAI Torino

CATALOGATO DA

Museo Nazionale della Montagna - CAI - Torino